EMILIA ROMAGNA IMMIGRAZIONE OSSERVATORIO GIURIDICO SULL'IMMIGRAZIONE EMILIA ROMAGNA
EMILIA ROMAGNA IMMIGRAZIONE OSSERVATORIO GIURIDICOSULL'IMMIGRAZIONE EMILIA ROMAGNA

BREVETTO ESTERO

Brevettare all'estero

I brevetti sono diritti territoriali, e pertanto sono protetti unicamente in quei Paesi e in quelle regioni, vale a dire determinati insiemi di Paesi, in cui sono stati concessi. In altri termini, se un brevetto è privo di protezione in un Paese, l’invenzione (o il modello di utilità, o la nuova varietà vegetale) potrà essere replicata, utilizzata, importata o venduta da chiunque in quel territorio. La protezione di un brevetto nei Paesi stranieri dà viceversa al titolare la possibilità di beneficiare degli stessi diritti esclusivi di cui gode in Italia.

Brevettare all'estero serve inoltre ad ampliare lo spettro delle opportunità di concessione di licenze d’uso a imprese straniere, sviluppando rapporti esterni all'azienda e beneficiando di una modalità di accesso alternativa a mercati stranieri attraverso la collaborazione con altre aziende.

Poiché proteggere un brevetto all'estero è molto costoso, è opportuno selezionare attentamente i Paesi in cui richiedere tale protezione, verificando una serie di condizioni, tra cui:

  • dove sarà fabbricato il prodotto?

  • dove è più probabile che venga commercializzato il prodotto brevettato?

  • quali sono i principali mercati per prodotti simili?

  • dove sono i principali concorrenti?

  • quali sono i costi necessari per brevettare?

  • quali saranno le difficoltà procedurali per proteggere un brevetto in un dato Paese?


Rivendicare una priorità

Chiunque abbia regolarmente depositato una domanda di brevetto d’invenzione o di modello di utilità in uno degli stati facenti parte della Convenzione di Parigi può fruire durante i successivi dodici mesi di un diritto di priorità per effettuare il deposito di una domanda di brevetto internazionale riguardante la medesima invenzione mantenendo all'estero la stessa data di validità nazionale.

Trascorsi i 12 mesi dalla data di deposito nazionale non sarà più possibile rivendicare la priorità.

E’ consigliabile presentare la rivendicazione della priorità contestualmente al deposito della domanda di estensione all’estero. Tale comunicazione può, però, essere presentata anche successivamente entro il termine di 16 mesi dalla data della prima priorità rivendicata.

Per far valere il diritto di priorità è necessario allegare alla domanda il documento di priorità, che consiste in una copia conforme della domanda nazionale di base rilasciata dall'ufficio brevetti nazionale presso cui è avvenuto il primo deposito.

Dopo la scadenza del periodo di priorità e fino a quando la domanda non viene pubblicata per la prima volta dall'Ufficio brevetti (generalmente dopo 18 mesi dalla data di priorità) in linea teorica potrebbe essere ancora possibile chiedere la protezione per la stessa invenzione in altri Paesi, ma non sarà più possibile rivendicare la priorità del primo deposito.

Occorre sottolineare che, una volta avvenuta la pubblicazione dell’invenzione, questa compromette il requisito della novità per gli eventuali depositi successivi.

Invenzioni e modelli di utilità

Ci sono tre modalità principali per proteggere un’invenzione o un modello di utilità all'estero:

  • Il percorso nazionale. Si può richiedere protezione presso l’Ufficio brevetti nazionale di ogni Paese di interesse, provvedendo al deposito della domanda di brevetto nella lingua prevista e pagando le relative tasse. In molti Paesi, inoltre, ai richiedenti stranieri è richiesto quale requisito di utilizzare i locali consulenti in proprietà industriale. Questo percorso può essere molto costoso, oltreché scomodo, nel caso in cui il numero di Paesi sia ampio.

     

  • Il percorso regionale. Quando molti Paesi sono membri di un sistema regionale di brevetti, è possibile inoltrare richiesta di protezione con effetto sui territori di tutti o di alcuni di questi Paesi, attraverso l’ufficio regionale competente: per l’Europa, l’Ufficio Europeo dei Brevetti - EPO (EPO).

     

  • Il percorso internazionale. Se un’impresa intende proteggere un’invenzione o un modello di utilità in un certo numero di Paesi membri del Trattato di Cooperazione sui Brevetti (PCT – Patent Cooperation Treaty), può considerare l’opportunità di inoltrare una domanda internazionale di brevetto (PCT). Una sola domanda PCT, in una sola lingua e a fronte del pagamento di un unico gruppo di imposte, ha efficacia legale in tutti i Paesi membri PCT. Questo sistema riduce in modo significativo i costi iniziali della procedura, evitando che siano presentate singole domande per ogni Ufficio brevetti.

    Il PCT può anche essere utilizzato per inoltrare domande in alcuni dei sistemi regionali di brevetto. Inoltrando una domanda internazionale ai sensi del PCT, si può, allo stesso tempo, ottenere un’opinione preliminare non vincolante sulla brevettabilità valida in 152 Paesi. La lista dei 152 paesi aderenti al PCT è disponibile a questo link: http://www.wipo.int/pct/en/pct_contracting_states.html

     

Nuove varietà vegetali

Anche per le nuove varietà vegetali la protezione può avvenire con la richiesta di privativa:

  • a livello nazionale, presentando domanda presso gli appositi Uffici presenti in ciascun Stato nel quale registrare la privativa

  • a livello comunitario, presentando domanda all'Ufficio Comunitario delle Varietà Vegetali (CPVO) sito in Angers (FR), reperibile al sito http://www.cpvo.europa.eu/main/en. La domanda comunitaria può essere inoltrata anche per il tramite dell’Ufficio nazionale. La procedura comunitaria presenta il vantaggio, rispetto a quella nazionale, di poter presentare un’unica domanda valida per tutti i Paesi dell’Unione Europea, con costi di deposito ridotti.

BREVETTO EUROPEO

Brevetto Europeo

Il brevetto europeo è un brevetto che si ottiene a seguito di una procedura unificata di deposito, esame e concessione.

La procedura di concessione prevede un’unica domanda, redatta in una lingua a scelta tra inglese, francese o tedesco e permette di ottenere un brevetto negli Stati membri dell’Organizzazione Europea dei Brevetti designati dal richiedente (è inoltre possibile chiedere la protezione conferita dal brevetto europeo anche in altri Stati non membri che ne autorizzino l’estensione sul loro territorio).

I brevetti europei conferiscono al titolare, negli Stati membri designati, una volta espletata la procedura di convalida nazionale, i medesimi diritti che deriverebbero da un brevetto nazionale ottenuto negli stessi Stati.

Come si ottiene un brevetto europeo

La domanda di brevetto europeo può essere depositata presso l’Ufficio Europeo dei Brevetti, nelle sedi di Monaco di Baviera, L’Aia o Berlino, oppure presso gli Uffici Brevetti nazionali degli Stati contraenti. La domanda di brevetto europeo che origina dall'Italia deve essere depositata presso la Camera di Commercio di Roma, Viale Oceano Indiano n. 19 - 00144 Roma, che a sua volta la invierà all'UIBM. Per poter procedere, l'UIBM chiede il nulla osta all'autorità militare, che ha tempo 90 giorni per esprimersi.

Trascorso tale periodo è ottenuto il nulla osta, anche tramite silenzio/assenso, la domanda viene spedita all'EPO. Nel caso che la domanda non rappresenti un primo deposito (nel caso quindi che venga rivendicata una priorità di una domanda nazionale), la domanda di brevetto può essere inviata direttamente all'EPO.

La procedura per ottenere un brevetto europeo comprende due fasi: quella di deposito della domanda (che comprende l'esame delle condizioni formali, la ricerca delle anteriorità e si conclude con la pubblicazione della domanda e del rapporto di ricerca), e quella dell'esame di merito della domanda, che si conclude con l'eventuale concessione del brevetto.

Se il brevetto viene concesso, il richiedente può iniziare le procedure di convalida in tutti gli Stati da lui designati o solo in alcuni di essi. Se la lingua del brevetto non è una lingua ufficiale dello Stato designato, si dovrà provvedere al deposito della relativa traduzione, dichiarata conforme all'originale pena la non validità del brevetto in quello Stato, entro tre mesi dalla concessione. La traduzione va depositata presso una Camera di Commercio.

La validità del brevetto europeo è di 20 anni a partire dalla data di deposito della domanda europea.

 

Qui sotto si riportano le seguenti istruzioni:


 

La modulistica è disponibile sul sito dell’EPO al seguente link:

https://www.epo.org/applying/forms-fees/forms.html

 


 

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI CONCESSIONE DI UN BREVETTO EUROPEO
Istruzioni per la richiesta di concessio[...]
Documento Adobe Acrobat [140.7 KB]
ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO 1001
Istruzioni per la compilazione del model[...]
Documento Adobe Acrobat [86.4 KB]

Consiglia questa pagina su:

Covid, Permessi di soggiorno 2020: validità, rinnovo, modalità richiesta, proroga - LeggiOggi.it - Tutto su fisco, welfare, pensioni, lavoro e concorsi (Wed, 27 May 2020)
Covid, Permessi di soggiorno 2020: validità, rinnovo, modalità richiesta, proroga  LeggiOggi.it - Tutto su fisco, welfare, pensioni, lavoro e concorsi
>> Continua a leggere

Permesso di soggiorno per motivi di lavoro - Studio Cataldi (Tue, 26 May 2020)
Permesso di soggiorno per motivi di lavoro  Studio Cataldi
>> Continua a leggere

Permesso di soggiorno per motivi di studio - Studio Cataldi (Sun, 24 May 2020)
Permesso di soggiorno per motivi di studio  Studio Cataldi
>> Continua a leggere

Cosa prevede l'accordo sui permessi di soggiorno ai migranti - AGI - Agenzia Italia (Wed, 13 May 2020)
Cosa prevede l'accordo sui permessi di soggiorno ai migranti  AGI - Agenzia Italia
>> Continua a leggere

Permessi di soggiorno, ecco tutte le proroghe - piacenzasera.it - piacenzasera.it (Tue, 19 May 2020)
Permessi di soggiorno, ecco tutte le proroghe - piacenzasera.it  piacenzasera.it
>> Continua a leggere

Cosa succede a chi non ha il permesso di soggiorno - La Legge per Tutti (Sat, 23 May 2020)
Cosa succede a chi non ha il permesso di soggiorno  La Legge per Tutti
>> Continua a leggere

Proroga del permesso di soggiorno, ecco cosa cambia col Decreto Cura Italia - Stranieri in Italia (Fri, 08 May 2020)
Proroga del permesso di soggiorno, ecco cosa cambia col Decreto Cura Italia  Stranieri in Italia
>> Continua a leggere

Sanatoria colf e braccianti al via: interessati 480mila extracomunitari irregolari - Il Sole 24 ORE (Tue, 26 May 2020)
Sanatoria colf e braccianti al via: interessati 480mila extracomunitari irregolari  Il Sole 24 ORE
>> Continua a leggere

Regolarizzazioni, maggioranza divisa sulla durata del permesso di soggiorno - L'HuffPost (Wed, 06 May 2020)
Regolarizzazioni, maggioranza divisa sulla durata del permesso di soggiorno  L'HuffPost
>> Continua a leggere

Intesa sui migranti, sei mesi di permessi di soggiorno - AGI - Agenzia Italia (Mon, 11 May 2020)
Intesa sui migranti, sei mesi di permessi di soggiorno  AGI - Agenzia Italia
>> Continua a leggere

Questura, riapre l'Ufficio Immigrazione per la consegna dei permessi di soggiorno - piacenzasera.it (Thu, 14 May 2020)
Questura, riapre l'Ufficio Immigrazione per la consegna dei permessi di soggiorno  piacenzasera.it
>> Continua a leggere

Permesso di soggiorno a tutti gli immigrati: il Cso Django scende in piazza - TrevisoToday (Thu, 14 May 2020)
Permesso di soggiorno a tutti gli immigrati: il Cso Django scende in piazza  TrevisoToday
>> Continua a leggere

Riapertura dell'ufficio immigrazione per la consegna dei permessi di soggiorno da martedì 26 maggio - Trani News (Sun, 24 May 2020)
Riapertura dell'ufficio immigrazione per la consegna dei permessi di soggiorno da martedì 26 maggio  Trani News
>> Continua a leggere

Prorogata la validità di alcuni permessi di soggiorno, tutte le informazioni - IlPiacenza (Tue, 19 May 2020)
Prorogata la validità di alcuni permessi di soggiorno, tutte le informazioni  IlPiacenza
>> Continua a leggere

Permesso di soggiorno scaduto: illegittimo il decreto di espulsione in caso di omessa valutazione ex art. 13 comma 2 bis del Dlg. n. 286 del 1998 - Diritto.it - Il portale giuridico online per i professionisti (Wed, 13 May 2020)
Permesso di soggiorno scaduto: illegittimo il decreto di espulsione in caso di omessa valutazione ex art. 13 comma 2 bis del Dlg. n. 286 del 1998  Diritto.it - Il portale giuridico online per i professionisti
>> Continua a leggere

Regolarizzazione. L'esperto risponde alle vostre domande - Stranieri in Italia (Fri, 22 May 2020)
Regolarizzazione. L'esperto risponde alle vostre domande  Stranieri in Italia
>> Continua a leggere

Lavoro e permessi di soggiorno, Articolo Uno: "Un limbo giuridico inaccettabile" - ForlìToday (Thu, 07 May 2020)
Lavoro e permessi di soggiorno, Articolo Uno: "Un limbo giuridico inaccettabile"  ForlìToday
>> Continua a leggere

Questura di Bari, riapre l'ufficio immigrazione per la consegna dei permessi di soggiorno - BariViva (Sat, 23 May 2020)
Questura di Bari, riapre l'ufficio immigrazione per la consegna dei permessi di soggiorno  BariViva
>> Continua a leggere

Consiglio di Stato, sezione III, sentenza 13 maggio 2020, n. 3037 - EIUS (Wed, 13 May 2020)
Consiglio di Stato, sezione III, sentenza 13 maggio 2020, n. 3037  EIUS
>> Continua a leggere

Decreto rilancio, prevista la regolarizzazione di 220mila migranti - Il Sole 24 ORE (Thu, 21 May 2020)
Decreto rilancio, prevista la regolarizzazione di 220mila migranti  Il Sole 24 ORE
>> Continua a leggere

Stampa Stampa | Mappa del sito
© A.L.I. - ASSOCIAZIONE LEGALI IMMIGRAZIONISTI - Presidente e curatore del sito AVV. FABIO LOSCERBO VIA ERMETE ZACCONI 3/A 40127 BOLOGNA