EMILIA ROMAGNA IMMIGRAZIONE OSSERVATORIO GIURIDICO SULL'IMMIGRAZIONE EMILIA ROMAGNA
EMILIA ROMAGNA IMMIGRAZIONE OSSERVATORIO GIURIDICOSULL'IMMIGRAZIONE EMILIA ROMAGNA

NOVITA' LAVORO

Diritto e Giustizia

Il commercialista iscritto all'Albo (ma non alla Cassa) deve comunque versare il contributo integrativo (Fri, 29 May 2020)
I commercialisti che si avvalgono della facoltà di non iscriversi alla Cassa professionale, sono comunque tenuti al versamento del contributo integrativo, in quanto – ferma la finalità solidaristica dalla contribuzione integrativa – il presupposto impositivo è da riconnettere alla mera iscrizione all’albo dei commercialisti unitamente alla presenza di corrispettivi rientranti nel volume d’affari ai fini dell’IVA.
>> Continua a leggere

Quando sorge il diritto a percepire il compenso da attività incentivata? (Fri, 29 May 2020)
«Il diritto a percepire l’incentivo per la progettazione di cui all’art. 18 L. 109/1994 nasce quale conseguenza della prestazione dell’attività incentivata, nei limiti stabiliti dalla contrattazione decentrata e dal Regolamento adottato dall’amministrazione. L’omesso avvio della procedura di liquidazione o il suo non completamento non impediscono l’azione di adempimento, che il dipendente può proporre una volta che siano vanamente spirati i termini di cui alla fonte regolamentare».
>> Continua a leggere

RASSEGNA DELLA SEZIONE LAVORO DELLA CASSAZIONE (Thu, 28 May 2020)

>> Continua a leggere

Istanza amministrativa per l'accompagnamento negativa. Valutabile comunque l'azione giudiziale contro l'INPS (Thu, 28 May 2020)
Certificazione medica inequivocabile: in essa si attesta che la persona esaminata non è impossibilitata a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore, né necessita di assistenza continua poiché è in grado di compiere gli atti quotidiani della vita.  
>> Continua a leggere

Il patto di prova può avere durata maggiore di quella prevista dal CCNL? (Wed, 27 May 2020)
Laddove il contratto individuale di lavoro preveda un patto di prova con durata maggiore di quella stabilita dalla contrattazione collettiva di settore, tale clausola deve ritenersi più sfavorevole per il lavoratore e, come tale, viene sostituita di diritto ex art. 2077, comma 2, c.c. Resta salvo il fatto che il prolungamento si risolva in concreto in una posizione di favore per il lavoratore.
>> Continua a leggere

Lavoratrice invalida con figlia disabile: sacrosanto il diritto allo smartworking (Mon, 25 May 2020)
Il giudice censura l’operato dell’azienda che ha respinto la richiesta della dipendente e l’ha posta in cassa integrazione. Evidente il diritto della donna a lavorare da casa, svolgendo ella funzioni connesse con l’uso del telefono e di strumenti informatici. Decisivo anche il rischio di un potenziale grave contagio per lei e per la figlia in caso di obbligo di lavorare in ufficio.  
>> Continua a leggere

Giudizio per la ripartizione della reversibilità tra prima e seconda moglie: l'INPS è litisconsorte necessario (Mon, 25 May 2020)
La controversia tra l’ex coniuge e il coniuge superstite per l’accertamento della ripartizione del trattamento di reversibilità deve necessariamente svolgersi in contraddittorio con l’INPS atteso che, essendo il coniuge divorziato, al pari di quello superstite, titolare di un autonomo diritto di natura previdenziale, l’accertamento concerne i presupposti affinché l’ente assuma un’obbligazione autonoma, anche se nell’ambito di una erogazione già dovuta, nei confronti di un ulteriore soggetto.  
>> Continua a leggere

Spese di giudizio: l'efficacia della dichiarazione sostitutiva di certificazione delle condizioni reddituali (Fri, 22 May 2020)
In tema di dichiarazione sostitutiva di certificazione delle condizioni reddituali, l’art. 152 disp. att. c.p.c. non impone alla parte ricorrente l’indicazione specifica del quantum del reddito percepito. Inoltre, laddove la dichiarazione sostitutiva, se pur materialmente redatta su foglio separato, sia stata espressamente richiamata nel ricorso introduttivo del giudizio di primo grado e ritualmente prodotta con il medesimo, deve ritenersi comunque efficace.
>> Continua a leggere

Notifica avvenuta oltre il termine di 25 giorni, nullità sanabile (Thu, 21 May 2020)
Nel rito del lavoro la violazione del termine, che, ai sensi dell’art. 435, comma 3, c.p.c., deve intercorrere tra la data di notifica dell’atto di appello e quella dell’udienza, non comporta l’improcedibilità dell’impugnazione, ma la nullità della notifica, sanabile ex tunc per effetto di spontanea costituzione dell’appellato o di rinnovazione disposta dal giudice.  
>> Continua a leggere

CIGS Covid-19: gestione dei provvedimenti che modificano i Decreti di concessione (Wed, 20 May 2020)
L'INPS fornisce le istruzioni operative per la gestione delle attività successive all'emanazione dei provvedimenti di modifica dei Decreti ministeriali di concessione della CIGS Covid-19 (mess. INPS 19 maggio 2020 n. 2066).  
>> Continua a leggere

Lavoro

Legittime le sospensioni dei trattamenti pensionistici di anzianità anticipati per risparmi di spesa (Fri, 29 May 2020)
Con l’ordinanza n. 94 del 2020 il Giudice delle leggi ha dichiarato la manifesta infondatezza, in riferimento all’art. 3 Cost., della questione di legittimità costituzionale dell’art. 59, commi 54 e 55, della legge 27 dicembre 1997, n. 449 e dell’art. 1 del decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale 30 marzo 1998, nella parte in cui hanno previsto la sospensione dei trattamenti pensionistici di anzianità anticipati rispetto all’età pensionabile o all’età prevista per la cessazione dal servizio dai singoli ordinamenti, poiché gli interventi di blocco dell’accesso ai trattamenti pensionistici di anzianità mirano a stabilizzare la spesa previdenziale, lasciando peraltro ferma la possibilità di chiedere la prosecuzione e il ripristino del rapporto d’impiego.
>> Continua a leggere

La sanificazione dei posti di lavoro tra procedure amministrative e obblighi giuridici (Thu, 28 May 2020)
Per effetto dello stato di emergenza sanitaria da virus COVID – 19 dichiarato con Delibera del Consiglio dei Ministri 31 gennaio 2020 a partire dal momento in cui in Italia sono stati registrati i primi casi di contagio, siamo stati letteralmente “sommersi” da una valanga di provvedimenti – decreti legge, decreti della presidenza del consiglio dei ministri, circolari dei vari enti coinvolti: INPS, INAIL, Ministero del Lavoro, Ispettorato Nazionale del Lavoro, Ministero della Salute, Agenzia delle Entrate, Ministero della Giustizia e così via. Il compito degli interpreti ai diversi livelli è stato principalmente quello di identificare le linee di orientamento utili per governare la fase di fermo di alcune delle attività (la maggioranza) così come quella di continuità per le attività che non si sono mai fermate. L’aspetto di maggiore rilevanza pratica che sta interessando ora la concreta ripresa nella Fase 2 è certamente quello diretto a comprendere le implicazioni derivanti dagli obblighi di sanificazione dei locali e, conseguentemente, di tutela della salute di lavoratori e dei terzi negli ambienti di lavoro. Al fine di orientare nell’analisi dei diversi provvedimenti può essere utile richiamare preliminarmente le disposizioni normative e regolamentari di maggiore rilevanza pratica per l’argomento qui in oggetto.
>> Continua a leggere

Gestione del rischio di contagio da COVID-19 in azienda: obblighi e responsabilità del datore di lavoro (Tue, 26 May 2020)
Il riavvio delle attività produttive ha imposto necessariamente la riorganizzazione in azienda della gestione dei rischi per far fronte all’emergenza da Coronavirus. Onde garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori, i datori di lavoro nei mesi a venire sono chiamati a osservare un intricato sistema multi-fonte dato da decreti-legge, decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, linee guida e protocolli. Da più parti sono sorte legittime richieste tese a sapere se, rispettando scrupolosamente tutte le indicazioni impartite, il datore di lavoro resti indenne da responsabilità civile o penale qualora il dipendente contragga ugualmente la patologia.
>> Continua a leggere

La dottrina giuslavorista alla prova del Covid-19: la nuova questione sociale (Mon, 25 May 2020)
Di seguito l’articolo del Prof. Garofalo, pubblicato su Il lavoro nella giurisprudenza n. 5/2020, Ipsoa, Milano. I riflessi della pandemia sul tessuto economico e produttivo del nostro Paese richiedono un ripensamento del diritto del lavoro chiamato a confrontarsi con la nuova questione sociale caratterizzata, a differenza di quella della fine del XIX secolo, dal coinvolgimento di più classi sociali. Urge avviare un dibattito che consenta di affrontare il prossimo futuro con un idoneo armamentario di valori e di norme.
>> Continua a leggere

Dal D.L. Cura Italia al D.L. Rilancio: come cambia il lavoro nella P.A. attraverso il lavoro agile (Mon, 25 May 2020)
L’efficacia e l’efficienza di una struttura pubblica dipende essenzialmente dalla dimensione dinamica della sua organizzazione, capace di affrontare le sfide che provengono dall’esterno, risolvere le criticità e i problemi attraverso la valorizzazione delle professionalità e delle competenze delle risorse umane presenti al suo interno. Per realizzare un modello organizzativo efficiente e resistente ai cambiamenti interni ed esterni, provocati dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, è fondamentale creare sinergie e relazioni che rendano osmotico il passaggio di informazioni, competenze e know how tra interno ed esterno dell’organizzazione. L’attuale crisi economica e sociale indotta dall’emergenza sanitaria deve rappresentare l’occasione per ripensare all’istituto del lavoro agile quale strumento per contemperare l’esigenza di un’indifferibile modernizzazione del servizio pubblico e la valorizzazione del capitale umano presente nelle pubbliche amministrazioni, senza, tuttavia, dimenticare che la stretta connessione tra l’esecuzione della prestazione smart e il raggiungimento del risultato produttivo descrive lo scopo sotteso al lavoro agile, che consiste, quindi, in un risparmio dei costi di gestione degli spazi interni, in una diminuzione del tasso di assenteismo e in una più efficiente gestione del tempo di lavoro da parte del lavoratore.
>> Continua a leggere

I verbali degli ispettori del lavoro fanno piena prova (Fri, 22 May 2020)
I verbali ispettivi fanno piena prova fino a querela di falso, dei fatti che il pubblico ufficiale attesta avvenuti in sua presenza o da lui compiuti, ivi compresa l'esistenza e provenienza delle dichiarazioni raccolte a verbale, ma non anche delle valutazioni dell'ispettore o dei fatti non percepiti direttamente ma affermati dall'ispettore in base ad altri fatti; tale materiale probatorio è liberamente valutabile e apprezzabile dal giudice, il quale può anche considerarlo prova sufficiente, qualora il loro specifico contenuto probatorio o il concorso di altri elementi renda superfluo l'espletamento di ulteriori mezzi istruttori (Cass. Civ., Sez. Lav., 4.5.2020, n. 8445).
>> Continua a leggere

DL n. 34/2020 c.d. “Rilancio”: come cambiano ancora le misure per il lavoro e le imprese (Thu, 21 May 2020)
Breve sintesi delle principali previsioni giuslavoristiche e misure a sostegno delle imprese introdotte dal Decreto-legge 19 maggio 2020 (il c.d. "D.L. Rilancio") pubblicato sulla gazzetta ufficiale del 19 maggio 2020, n. 128 – supplemento ordinario.
>> Continua a leggere

Trattamento straordinario integrazione salariale: legittimo il decorso degli effetti dopo 30 giorni dalla domanda tardiva (Wed, 20 May 2020)
Con la sentenza n. 90 del 2020 il Giudice delle leggi ha dichiarato la non fondatezza, in riferimento all’art. 3 Cost., della questione di legittimità costituzionale dell’art. 25, comma 3, del d.lgs. 14 settembre 2015, n. 148, nella parte in cui il trattamento straordinario di integrazione salariale, in caso di presentazione tardiva della domanda, decorre dal trentesimo giorno successivo alla presentazione della domanda medesima, poiché la specifica disposizione impugnata si colloca nel contesto del complessivo quadro del procedimento amministrativo ridisegnato e ridefinisce in termini più stringenti il collegamento “dinamico” fra data di presentazione della domanda e decorrenza del trattamento straordinario di integrazione salariale, cui consegue che l’entità del ritardo della domanda, rispetto al termine previsto dal comma 1 del medesimo articolo, comporta un corrispondente effetto sul decorso del trattamento richiesto, al fine di evitare che si determinino situazioni di incertezza, sia per i lavoratori e le organizzazioni sindacali interessate che per l’impresa.
>> Continua a leggere

Crediti contributivi: dal 1° gennaio 1996 la prescrizione è quinquennale (Tue, 19 May 2020)
Il commento ha ad oggetto la sentenza n. 284, pubblicata il 14 febbraio 2020 dal Tribunale di Messina, Sezione Lavoro, che ha dichiarato insussistente – nella sua quasi totale integrità – il credito asseritamente vantato da INPS nei confronti del ricorrente per un importo di oltre 380.000,00 euro, a titolo di contributi previdenziali aziende 1998 – 2009. Il Giudice del Lavoro, tenuto conto dell’intervenuta prescrizione quinquennale, ha accertato la sussistenza di un credito di gran lunga inferiore rispetto a quello preteso dall’Istituto previdenziale e dall’ente di riscossione - anch’esso parte resistente nel processo - pari a soli 1.668,96 euro.
>> Continua a leggere

Escludere una candidata per motivi di statura può essere discriminatorio (Mon, 18 May 2020)
In tema di requisiti per l'assunzione, qualora in una norma secondaria sia prevista una statura minima identica per uomini e donne, in contrasto con il principio di uguaglianza, perché presupponga erroneamente la non sussistenza della diversità di statura mediamente riscontrabile tra uomini e donne e comporti una discriminazione indiretta a sfavore di queste ultime, il giudice ordinario ne apprezza, incidentalmente, la legittimità ai fini della disapplicazione, valutando in concreto la funzionalità del requisito richiesto rispetto alle mansioni (Cassazione civile, sezione lavoro, ordinanza 24 aprile 2020, n. 8167).
>> Continua a leggere

Juris Mind audio lezioni diritto

LEGITTIME LE REGISTRAZIONI AUDIO SUL POSTO DI LAVORO
Lo stabilisce la Cassazione con sentenza n. 12534/2019 a precise condizioni però. In buona sostanza per i supremi giudici è legittimo da parte del dipendente effettuare di nascosto sul posto di lavoro registrazioni audio col fine di cogliere in fallo il datore di lavoro, con l'esclusivo fine di precostituirsci una prova per un imminente giudizio. Le finalità di difesa prevalgono quindi su quelle della tutela della privacy a condizione però che le registrazioni siano esclusivamente pertinenti ai fatti di causa. Conseguenza ne è che il datore di lavoro non può licenziare per giusta causa il dipendente che abbia carpito di nascosto al sua voce in una registrazione audio.   Avv. Mauro Franchi - info@jurismind.it VAI A TUTTI I CORSI AUDIO DI DIRITTO
>> Continua a leggere

MANSIONI LAVORATIVE IDONEE ALLE CONDIZIONI FISICHE
Per la Cassazione (oridnanza n. 7584/2019) è di fondamentale importanza che, a tutela della salute del lavoratore, il datore non solo adotti le necessarie misure di sicurezza aziendale, secondo le prescrizioni generali di cui all'art. 2087 c.c. e specifiche previste dal D.lgs 81/2008, ma anche, in concreto adibisca il lavoratore a delle mansioni compatibili col suo stato di salute, in conformità alla prescrizioni mediche. In buona sostanza il datore di lavoro è chiamato ad effettuare una valutazione concreta, in ordine alle mansioni attribuibili, ritagliata nello specifico alle concrete esigenze di salute del dipendente, pena il dover risarcire l'eventuale danno biologico patito. Avv. Mauro Franchi - info@jurismind.it VAI A TUTTI I CORSI AUDIO DI DIRITTO  
>> Continua a leggere

LICENZIAMENTO LAVORATRICE IN GRAVIDANZA
LICENZIAMENTO: è possibile licenziare la dipendente se la gravidanza inizia dopo che il datore di lavoro ha dato, legittimamente, il preavviso di cessazione del rapporto. (Cass.  ord. 9268/2019). (29/04/2019). Contattaci su WhatsApp
>> Continua a leggere

PER ASTENERSI DAL LAVORO VIOLAZIONI GRAVI SULLA SICUREZZA
DIRITTO DEL LAVORO SICUREZZA RIFIUTO PRESTAZIONE LAVORATIVA Non basta il mero inadempimento agli obblighi sulla sicurezza per astenersi dal lavoro. Lo stabilisce la Corte di Cassazione, con sentenza n. 8911/2019. In tema di violazione agli obblighi imposti ai datori di lavoro in tema di sicurezza dal D.Lgs 81/2008, per giustificare l'astensione dal lavoro da parte del dipendente, occorre che in concreto, gli inadempimenti siano effettivamente rilevanti. Per i supremi giudici non basta quindi, al fine di giustificare il rifiuto alla prestazione lavorativa, una qualsiasi infrazione datoriale in tema di sicurezza, ma è necessario che la stessa esponga il dipendente ad un effettivo pericolo. La prova di tale collegamento, infrazione - rischio, è a carico del dipendente. Un tema delicato ed aperto, certamente, qullo affrontato dai giudici di legittimità. VAI AL CORSO >>DIRITTO DEL LAVORO
>> Continua a leggere

IL LICENZIAMENTO VA SEMPRE IMPUGNATO ENTRO 60 GIORNI
DIRITTO DEL LAVORO LICENZIAMENTO - IMPUGNAZIONE Se il lavoratore non vuole decadere dalla possibilità di richiedere tutela avanti il giudice del lavoro, deve sempre impugnare il licenziamento entro 60 giorni dalla relativa initimazione. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con sentenza n. 8660/2019. I supremi giudici hanno in particolare posto in rilievo i seguenti principi: l'impugnazione nei 60 giorni ex art. 6 L. 604/1966 va sempre proposta se non si vuole perdere il diritto all'azione giudiziaria l'impugnazione va proposta anche a fronte del licenziamento dettato da giustificato motivo oggettivo il fatto che il datore di lavoro non abbia informato la DTL delle ragioni del licenziamento o non abbia adottato le misure atte alla ricollocazione del dipendente, non salvano quest'ultimo dalla decadenza in caso di mancata impugnazione VAI AL CORSO >>DIRITTO DEL LAVORO
>> Continua a leggere

NON LICENZIABILE IL DIPENDENTE PER FATTI ESTRANEI ALL'ATTIVITA'
DIRITTO DEL LAVORO LICENZIAMENTO Non può essere licenziato il dipendente se il fatto non è direttamente collegato all'attività lavorativa. Lo stabilisce la Corte di Cassazione con Ordinanza n. 8390 del 26 marzo 2019. In buona sostanza i giudici precisano che non è sufficiente essere condannati in sede penale per gravi minaccie se il fatto non è ricollegabile all'attività lavorativa. Per la Cassazione in tale ipotesi non viene turbata la serenità del datore di lavoro, non dovendosi ritenere leso, sempre secondo i giudici, l'astratto principio dell'intuitus personae.
>> Continua a leggere

Consiglia questa pagina su:

Covid, Permessi di soggiorno 2020: validità, rinnovo, modalità richiesta, proroga - LeggiOggi.it - Tutto su fisco, welfare, pensioni, lavoro e concorsi (Wed, 27 May 2020)
Covid, Permessi di soggiorno 2020: validità, rinnovo, modalità richiesta, proroga  LeggiOggi.it - Tutto su fisco, welfare, pensioni, lavoro e concorsi
>> Continua a leggere

Emersione dei rapporti di lavoro/regolarizzazione: pubblicato il decreto interministeriale - Melting Pot (Sat, 30 May 2020)
Emersione dei rapporti di lavoro/regolarizzazione: pubblicato il decreto interministeriale  Melting Pot
>> Continua a leggere

Cosa prevede l'accordo sui permessi di soggiorno ai migranti - AGI - Agenzia Italia (Wed, 13 May 2020)
Cosa prevede l'accordo sui permessi di soggiorno ai migranti  AGI - Agenzia Italia
>> Continua a leggere

Permesso di soggiorno per motivi di lavoro - Studio Cataldi (Tue, 26 May 2020)
Permesso di soggiorno per motivi di lavoro  Studio Cataldi
>> Continua a leggere

Proroga del permesso di soggiorno, ecco cosa cambia col Decreto Cura Italia - Stranieri in Italia (Fri, 08 May 2020)
Proroga del permesso di soggiorno, ecco cosa cambia col Decreto Cura Italia  Stranieri in Italia
>> Continua a leggere

Catania, l'Ufficio Immigrazione: consentito l'ingresso per determinati permessi di soggiorno - CataniaNews.it (Fri, 29 May 2020)
Catania, l'Ufficio Immigrazione: consentito l'ingresso per determinati permessi di soggiorno  CataniaNews.it
>> Continua a leggere

Intesa sui migranti, sei mesi di permessi di soggiorno - AGI - Agenzia Italia (Mon, 11 May 2020)
Intesa sui migranti, sei mesi di permessi di soggiorno  AGI - Agenzia Italia
>> Continua a leggere

Permessi di soggiorno, ecco tutte le proroghe - piacenzasera.it - piacenzasera.it (Tue, 19 May 2020)
Permessi di soggiorno, ecco tutte le proroghe - piacenzasera.it  piacenzasera.it
>> Continua a leggere

Regolarizzazione lavoratori clandestini e permessi di soggiorno scaduti (art. 103 DECRETO-LEGGE... - AteneoWeb (Thu, 28 May 2020)
Regolarizzazione lavoratori clandestini e permessi di soggiorno scaduti (art. 103 DECRETO-LEGGE...  AteneoWeb
>> Continua a leggere

Anche per la prossima settimana il ritiro dei permessi di soggiorno (già pronti) in Questura avverrà su appuntamento - LaVoceDiAsti.it (Thu, 28 May 2020)
Anche per la prossima settimana il ritiro dei permessi di soggiorno (già pronti) in Questura avverrà su appuntamento  LaVoceDiAsti.it
>> Continua a leggere

Il ragazzo litiga col poliziotto: “Mi ha chiesto il permesso di soggiorno, ma io sono italiano” - Napoli Fanpage.it (Thu, 28 May 2020)
Il ragazzo litiga col poliziotto: “Mi ha chiesto il permesso di soggiorno, ma io sono italiano”  Napoli Fanpage.it
>> Continua a leggere

Prorogata la validità di alcuni permessi di soggiorno, tutte le informazioni - IlPiacenza (Tue, 19 May 2020)
Prorogata la validità di alcuni permessi di soggiorno, tutte le informazioni  IlPiacenza
>> Continua a leggere

Cosa succede a chi non ha il permesso di soggiorno - La Legge per Tutti (Sat, 23 May 2020)
Cosa succede a chi non ha il permesso di soggiorno  La Legge per Tutti
>> Continua a leggere

Braccianti e colf, ecco le procedure. Domande dal 1° giugno - Avvenire (Sat, 30 May 2020)
Braccianti e colf, ecco le procedure. Domande dal 1° giugno  Avvenire
>> Continua a leggere

Decreto Rilancio: la procedura di emersione dei rapporti di lavoro - Altalex (Thu, 28 May 2020)
Decreto Rilancio: la procedura di emersione dei rapporti di lavoro  Altalex
>> Continua a leggere

Permesso di soggiorno per motivi di studio - Studio Cataldi (Sun, 24 May 2020)
Permesso di soggiorno per motivi di studio  Studio Cataldi
>> Continua a leggere

Questura, riapre l'Ufficio Immigrazione per la consegna dei permessi di soggiorno - piacenzasera.it (Thu, 14 May 2020)
Questura, riapre l'Ufficio Immigrazione per la consegna dei permessi di soggiorno  piacenzasera.it
>> Continua a leggere

In giro in paese senza permesso di soggiorno, espulso - Tuscia Web (Thu, 28 May 2020)
In giro in paese senza permesso di soggiorno, espulso  Tuscia Web
>> Continua a leggere

Lavoro e permessi di soggiorno, Articolo Uno: "Un limbo giuridico inaccettabile" - ForlìToday (Thu, 07 May 2020)
Lavoro e permessi di soggiorno, Articolo Uno: "Un limbo giuridico inaccettabile"  ForlìToday
>> Continua a leggere

Ufficio immigrazione: prorogata la validità dei permessi di soggiorno - AndriaViva (Sun, 17 May 2020)
Ufficio immigrazione: prorogata la validità dei permessi di soggiorno  AndriaViva
>> Continua a leggere

Stampa Stampa | Mappa del sito
© A.L.I. - ASSOCIAZIONE LEGALI IMMIGRAZIONISTI - Presidente e curatore del sito AVV. FABIO LOSCERBO VIA ERMETE ZACCONI 3/A 40127 BOLOGNA